La Musealizzazione | Man Nuoro | ArteConcas MUSEO

#ArteConcasMUSEO

Oggi parliamo delle prime ipotesi che precedono la realizzazione di un museo.

La Musealizzazione 

È un neologismo che descrive bene le fasi preliminari e necessarie per la realizzazione di un museo, proprio come quello in cui mi trovo ora, il MAN di Nuoro…

Per musealizzazione si intende il trasferimento e la conservazione di opere d’arte o reperti archeologici all’interno di un museo.

Oggi inoltre e sempre di più si fa strada la musealizzazione virtuale intesa come la progettazione, studio e realizzazione dell’allestimento e dell’esposizione di un bene o di una collezione digitale in un museo virtuale, attraverso l’uso di tecniche di modellazione tridimensionale e di realtà virtuale, per favorire l’esplorazione e la fruizione a distanza.

Ecco in pratica… un museo ha una lunga fase di elaborazione di pensiero, con molte domande fondamentali:

–       Che cosa vogliamo musealizzare?

–       In quali spazi?

–       In che modo?

–       E Dove?

 Sino ad arrivare a chiedersi: perché realizzare questo museo??  

La musealizzazione è una vera e propria materia, importante e fondamentale per la riuscita e la durata futura dello stesso museo.

Spesso si sente dire, nelle città come nei piccoli centri: “Abbiamo un edificio in abbandono, è anche pregevole: perché non ne facciamo un museo?”

Questa ipotesi, quasi sempre, viene approvata dalla popolazione così come dalle autorità, con grande soddisfazione di tutti.

Però vi è da dire che non appena terminano gli applausi e il consenso, il problema su questa scelta emerge immediatamente con una prima domanda: come fare?

La musealizzazione non serve per decidere come fare, ma serve molto prima per decidere SE fare e poi COME fare.

Infatti, non è detto che realizzare un museo in quell’edificio diventi la scelta migliore… potrebbe invece dimostrarsi una scelta sbagliata, determinata da un facile entusiasmo, mossa da un consenso collettivo ma non ragionato.

E poi, siamo sicuri che gli spazi architettonici siano funzionali? Riconducibili alle norme di sicurezza? Gestibili con costi contenuti di climatizzazione, pulizie, manutenzioni e personale necessario?  

La musealizzazione si pone queste e..moltissime altre fondamentali domande.

Anche per i musei sono dunque necessari tempi di elaborazione progettuale piuttosto lunghi, precisando subito che per il progetto di un museo, non s’intende solo quello architettonico, come si è spesso fatto, pensando: devo fare un museo, chiamo un architetto.

È bene precisare che l’architetto rimane un ruolo importante ma deve arrivare dopo.

Dopo quanto?? Direte voi…

Dopo che lo studio preliminare per la musealizzazione, sia esso di un bene architettonico, artistico, archeologico, antropologico, ha svolto tutte le indagini e le valutazioni preliminari.

Si tratta di un lungo percorso e maggiori saranno gli aspetti verificati migliore potrà essere il risultato finale.

Ormai anche per i musei sono necessarie attente valutazioni e soprattutto quantificazioni, sia per i costi di realizzazione che di gestione, sia per definire il target dei possibili visitatori, sia per capire come la nuova offerta museale si posiziona nel “mercato”!! 

Si parla di mercato quando un museo deve concorrere, oppure no, con altri musei.

È interessante notare come per la musealizzazione vengono utilizzati molti degli studi già impiegati per altri settori, come quelli commerciali, oppure di produzione di contenuti in forma digitale, di servizi alla collettività e molti altri secondo necessità.

Una volta sviluppate le molte materie della musealizzazione, si discute di fattibilità.

Raccolte le molte idee e fatte tutte le valutazioni preliminari, è possibile poi discutere se la realizzazione del museo è fattibile, cioè se esistono tutte le condizioni per continuare in una progettazione prima di massima e poi eventualmente esecutiva.

È fondamentale non saltare mai alcun passaggio e, qualora fosse necessario o meglio, fosse possibile ridurre la fase preliminare di studio della musealizzazione.

Ogni punto dovrà essere comunque presente, seppure non sviluppato.

Solo dopo questi studi, che riservano sempre straordinarie scoperte, si potrà dire: ok, è possibile realizzare il museo.

Powered by: Art Rights – Art Backers Agency – ProfessioneARTE.it

Thanks to: Museo MAN

Guarda il video su Youtube

#ARTECONCAS / PODCAST

Scopri gli altri segreti dell'Arte...

LADY TARIN – Intervista – ArteConcasTalks STUDIO / Andrea Concas

LADY TARIN FOTOGRAFA ArteConcasTalks Studio #ArteConcasTalksSTUDIO Oggi andiamo a trovare l’artista Lady Tarin! Lady Tarin da anni conduce la sua ricerca artistica sul tema della femminilità...

Chi realizza il certificato di autenticità di un’opera d’arte? / ArteConcas Risponde

Chi realizza il certificato di autenticità? ArteConcas RISPONDE Chi realizza il certificato di autenticità? Può farlo l'artista? E tu cosa aspetti? Chiedilo ad Andrea Concas... Fammi una...

ARTE & IMMOBILIARE / ArteConcas / Andrea Concas

Arte & Immobiliare è un connubio che funziona! Non solo opere all'interno di appartamenti e condomini, ma anche veri e propri progetti di riqualificazione urbana sono il fattore determinante per l'aumento del valore degli immobili.

NON SERVE ESSERE RICCHI PER DIVENTARE COLLEZIONISTI D’ARTE / Andrea Concas / ArteConcas

Oggi diventare un collezionista d’arte non è sempre legato ad avere un patrimonio milionario, sicuramente aiuta, non lo mettiamo in dubbio, tuttavia esistono esempi lampanti di come persone normali siano diventati grandi collezionisti, spesso anche con delle collezioni dai valori milionari.