Home Blog

Elisabetta Galasso | ArteDonna |ArteConcas

0

#ArteDonna

Scopri le grandi donne del mondo dell’arte…

Lei è Elisabetta Galasso

Nel mondo dell’arte non si parla solo di sistema e mercato, ma anche di servizi per l’arte dove interviene un numero davvero consistente di professionisti, tecnici specialisti, società, artigiani e altre figure qualificate in specifici e ristretti settori.

Un mondo che anima e si muove dietro le quinte, supportando direttamente ed indirettamente musei, collezioni ed opere d’arte, anche milionarie, ma non solo.

Forse i servizi più importanti sono quelli dedicati alla vita dell’opera d’arte: la movimentazione, il restauro e conservazione, l’allestimento o la sua custodia.

Tra le eccellenze del nostro paese troviamo Open Care, società di servizi per l’arte di Milano guidata da Elisabetta Galasso, Amministratrice Delegata.

La Galasso, dopo studi di estetica e linguistica, ha collaborato con numerosi enti in Italia e all’estero in progetti di formazione, comunicazione e cooperazione internazionale, curando pubblicazioni sul sud-est asiatico e sulle tematiche interculturali e di genere.

Con grande attenzione alla formazione, ha ricoperto dal 2004 al 2012 il ruolo di Direttrice per NABA, Nuova Accademia di Belle Arti Milano.

Oggi grazie ad Open Care, Elisabetta Galasso offre servizi integrati per la conservazione, gestione e valorizzazione di opere e collezioni d’arte.

Guarda il video su Youtube:

#ARTECONCAS / PODCAST

#ArteConcasNEWS 05 Agosto 2020 | Andrea CONCAS | ArteCONCAS

0

#ArteConcasNEWS 05 Agosto 2020

3 notizie Flash per rimanere sempre aggiornati sul Sistema e Mondo dell’Arte!

NONA EDIZIONE DELL’ITALIAN COUNCIL: 2 MILIONI PER ARTISTI, CRITICI E CURATORI

⚡️CHIUDE UN’ALTRA GALLERIA: DOPO 26 ANNI ADDIO A GAVIN BROWN

⚡️MEGA DONAZIONE PER GLI UFFIZI DI FIRENZE: 455 NUOVE OPERE

NUOVA LINFA PER L’ARTE ITALIANA: LA DIREZIONE GENERALE CREATIVITÁ CONTEMPORANEA, CHE FA CAPO AL MIBACT STANZIA 2 MILIONI DI EURO PER LA NONA EDIZIONE DELL’ITALIAN COUNCIL, PROGRAMMA DI SUPPORTO, PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELL’ARTE ITALIANA NEL MONDO 

Il programma, attivo dal 2017, finora ha erogato finanziamenti per oltre 10 milioni di euro, ma quest’anno l’attenzione è dedicata non solo agli artisti, ma anche a curatori e critici d’arte per la promozione di progetti espositivi monografici all’estero e per i progetti editoriali internazionali.

I fondi sono destinati inoltre all’incremento delle collezioni dei musei pubblici italiani tramite la produzione di una o più opere di artista italiano vivente o l’acquisizione di un’opera prodotta negli ultimi 50 anni.

Non manca il supporto anche per le residenze all’estero.

Attenzione: c’è tempo fino al 30 settembre per partecipare!

TEMPO DI CHIUSURE E FUSIONI PER LE GALLERIE STATUNITENSI. L’ULTIMA NOTIZIA RIPORTA CHE IL CELEBRE GALLERISTA GAVIN BROWN, DOPO BEN 26 ANNI DI ATTIVITÁ E DI SUCCESSI, HA SCELTO A SEGUITO DELLO SCENARIO DI CRISI PER L’ARTE POST COVID DI CHIUDERE LA SEDE DI NEW YORK E DI ROMA, PER FONDERSI CON LA BARBARA GLADSTONE GALLERY

La scelta non è stata certo presa alla leggera, ma vista la condizione di incertezza economica che aleggia per le strade degli Usa, il gallerista Brown ha scelto di attuare un’altra strategia per sopravvivere: unirsi a un’altra galleria, quella di Barbara Gladstone con tre sedi a New York e una a Bruxelles. L’accordo prevede la cessione di 10 artisti di grande rilievo alla Gladstone come Ed Atkins, Arthur Jafa, Joan Jonas, altri invece non potranno seguire Brown nella fusione. 

Così, come era prevedibile, è iniziato il “corteggiamento” di altre gallerie agli artisti che non sono più parte della scuderia di Brown.

Chissà quali altri cambiamenti ci aspettano…

SOLO POCHI GIORNI FA LA NOTIZIA: 455 OPERE DELLA COLLEZIONE CARLO DEL BRAVO, PER UN VALORE DI 10 MILIONI DI EURO, CHE RACCHIUDONO ARTISTI COME ROSSO FIORENTINO E INGRES, SONO STATE DONATE ALLE GALLERIE DEGLI UFFIZI

Carlo Del Bravo, scomparso tre anni fa, è stato esperto del Rinascimento e decano degli studi sull’arte toscana dell’Ottocento e Novecento. Allievo lui stesso di Roberto Longhi, sotto i suoi insegnamenti si sono formate figure rilevanti dell’arte come Ettore Spalletti o Antonio Natali.

La donazione diventa un atto di generosità al patrimonio artistico italiano, che si arricchisce di capolavori che saranno esposti tra gli Uffizi, la Galleria d’Arte Moderna di Palazzo Pitti e ancora a San Casciano Val di Pesa.

Questa è davvero un’ottima notizia!

Guarda il video su Youtube:

#ARTECONCAS / PODCAST

I Piatti d’Artista | La Piola Alba | Ceretto | Langhe | ArteCONCAS

0

Oggi vi porto in un luogo incredibile delle Langhe, nel ristorante “La Piola” di Alba, dove Arte e Sapori della tradizione italiana hanno trovato un luogo unico per essere esaltati e celebrati, anche grazie ai “Piatti d’Artista”.

Ispirati alla tradizione del “Piatto del Buon ricordo”, diffuso nelle antiche trattorie italiane, questi piatti sono delle autentiche opere d’arte in ceramica, realizzati dai più grandi artisti internazionali…

Dal 2005 ad oggi Donald Baechler, John Baldessari, James Brown, Lynn Davis, Gary Hume, Robert Indiana, Jasper Johns, Thomas Nozkowski, Ugo Rondinone, Kiki Smith, Philip Taaffe, Terry Winters hanno contribuito a fare di questo luogo, unico nel suo genere, una vera e propria galleria d’arte, come racconta Roberta Ceretto.

Tutto questo grazie alla famiglia Ceretto!

Powered by : Art Backers Agency

Thanks to: Roberta Ceretto – Federico Ceretto – Ristorante Piazza Duomo AlbaLa Piola Alba – Stilema Rete

Guarda il video su Youtube:

#ARTECONCAS / PODCAST

ProfessioneArteTOUR 2020 | Audible | Andrea CONCAS | ArteCONCAS

0

#ProfessioneArteTOUR #Audible

E’ stato davvero un tour incredibile, 10 città, centinaia di persone, amici e professionisti per condividere, tutti insieme, la grande passione per l’arte.

E’ arrivato il momento di ripartire, e, sperando di rivederci dal vivo a settembre, felice di essere con voi sotto l’ombrellone con #ProfessioneArte nella versione Audible.

📕 ProfessioneARTE “La prima guida per chi dell’arte vuole fare la sua professione”

ASCOLTA SUBITO LA VERSIONE AUDIBLE

Guarda il video su YouTube:

#ARTECONCAS / PODCAST

#ArteConcasNEWS 29 Luglio 2020 | Andrea CONCAS | ArteCONCAS

0

#ArteConcasNEWS 29 Luglio 2020

3 notizie Flash per rimanere sempre aggiornati sul Sistema e Mondo dell’Arte!

6 MILIARDI DI TAGLI ALLA CULTURA: LA SCELTA DELL’UNIONE EUROPEA

⚡️LA COLLEZIONE DELLA BRITISH AIRWAYS ALL’ASTA: CI PENSA SOTHEBY’S

⚡️INSIEME PER UN AMBIENTE SOSTENIBILE: GUCCI E IL GRAFFITI ARTIST MP5

SOLO UN MESE FA DARIO FRANCESCHINI AVEVA FIRMATO UN ACCORDO PER LIBERARE 50 MILIONI DI EURO DAL DECRETO RILANCIO A SOSTEGNO DI MUSEI E LUOGHI DELLA CULTURA NON STATALI ITALIANI.

MA I SEGNALI ARRIVATI DALL’ULTIMA PLENARIA DELL’UNIONE EUROPEA NON SONO AFFATTO RASSICURANTI PER IL SETTORE CULTURA

I 27 stati che ne fanno parte infatti sembrano non aver colto la gravità della crisi che ha colpito il settore, decretando un ammontare di tagli consistente. Inoltre la pubblicazione dell’ultimo studio redatto da KEA EUROPEAN AFFAIRS sull’impatto del Coronavirus sul settore culturale e creativo ha fornito un quadro negativo: la spesa diretta per attività ricreative e prodotti culturali diminuisce, il Teatro alla Scala perde 50 mila euro al giorno.

La compravendita di opere d’arte, nonostante l’impatto importante dell’online, ha subito gravi perdite, Christie’s dichiara un -97%, mentre aziende come Netflix hanno guadagnato oltre 15 milioni di nuovi abbonati paganti.

Speriamo che l’Unione Europea possa comprendere che la Cultura è un ben prezioso per la nostra società.

LE CONSEGUENZE DELLA PANDEMIA CONTINUANO A COLPIRE, COSÍ LA COMPAGNIA AEREA BRITISH AIRWAYS PER FAR FRONTE ALLE GRAVI PERDITE SCEGLIE DI DISMETTERE PARTE DELLA PROPRIA COLLEZIONE D’ARTE, AFFIDANDOLA ALLA CASA D’ASTE SOTHEBY’S

Si è tenuta infatti ieri 29 Luglio l’asta di 17 opere, che comprendono lavori di Damien Hirst, Bridget Riley, Peter Doig, Tracey Emin, Anish Kapoor e Chris Ofili.

La scelta della principale compagnia aerea del Regno Unito è stata causata dalla crisi economica dovuta alla pandemia, con un bilancio in negativo che mette a rischio 12mila posti di lavoro. 

In oltre dieci anni la compagnia aerea ha acquistato 1500 opere d’arte, esposte negli uffici e nelle lounge degli aeroporti, che ora troveranno posto all’interno delle abitazioni di grandi collezionisti.

LA CASA DI MODA GUCCI HA SCELTO LA GRAFFITI ARTIST ITALIANA MP5 PER RIELABORARE IL LOGO DEL SUO PROGRAMMA GUCCI EQUILIBRIUM, NUOVA INIZIATIVA PER LA SOSTENIBILITÁ AMBIENTALE 

Ancora una volta Gucci sceglie di comunicare le proprie iniziative attraverso l’arte e lo fa in collaborazione con l’artista napoletana MP5, nota per il suo incisivo stile di disegno in bianco e nero che utilizza in numerosi e differenti media, dal disegno ai video di animazione passando per il muralismo e l’installazione.

Gucci ha così lanciato un programma per ridurre il suo impatto ambientale “sostenendo i diritti delle persone, insieme all’inclusione e al rispetto”, secondo una dichiarazione del marchio. Non è la prima volta che Gucci lavora con MP5. 

L’anno scorso, l’artista ha infatti disegnato una serie di murales per il Gucci Garden di Firenze.

Guarda il video su Youtube:

#ARTECONCAS / PODCAST

Cantine Ceretto | Arte, Cibo, Vino e Territorio ad Alba nelle Langhe | ArteConcas

0

Oggi vi porto nelle Langhe, più precisamente ad Alba, per scoprire un’azienda unica, che da tre generazioni crea legami inediti tra Arte, Cibo, Vino e Territorio… le Cantine Ceretto!

Non solo grandi vini come il #Barolo e il #Barbaresco, ma anche mostre, residenze d’arte, collaborazioni con artisti dal calibro internazionale, il tutto in una location mozzafiato…

Un viaggio alla scoperta di un territorio incredibile!

Prossimamente…

Powered by : Art Backers Agency

Thanks to: Roberta Ceretto – Federico Ceretto – Ristorante Piazza Duomo AlbaLa Piola AlbaStilema Rete

Guarda il video su Youtube:

#ARTECONCAS / PODCAST

Zaza Calzia | ArteDonna | ArteConcas

0

#ArteDonna

Per questa signora dell’arte sono oltre cinquanta gli anni vissuti all’insegna dell’Arte.

Lei è Zaza Calzia, classe 1932, artista sarda, ma dal respiro internazionale.

Si forma all’Istituto d’Arte di Sassari, dove nel 1961 diventa docente di Progettazione e Disegno professionale, a capo poi del laboratorio di Decorazione pittorica.

Il suo esordio avviene nel 1966, quando a Sassari presenta nella sua prima mostra personale alla Galleria “A”, i risultati delle prime ricerche: opere informali e mature per una giovane Calzia.

La sua ricerca porta l’artista ad entrare nel Gruppo A, che in Sardegna si impegna per svecchiare l’arte isolana e portarla a livello internazionale; nel 1970 si trasferisce a Roma, insegnando fino al ‘97 all’Istituto Statale d’Arte di Roma 2.

Il suo linguaggio si fa incessante, ritmato, dove le parole e il collage invadono la superficie in molteplici sperimentazioni sempre inedite e contemporanee.

Ancora oggi le opere di Zaza Calzia, presenti in numerose collezioni d’arte, esprimono una vitalità del tutto inedita, che non smette mai di stupire.

Guarda il video su Youtube

La Musealizzazione | Man Nuoro | ArteConcas MUSEO

0

#ArteConcasMUSEO

Oggi parliamo delle prime ipotesi che precedono la realizzazione di un museo.

La Musealizzazione 

È un neologismo che descrive bene le fasi preliminari e necessarie per la realizzazione di un museo, proprio come quello in cui mi trovo ora, il MAN di Nuoro…

Per musealizzazione si intende il trasferimento e la conservazione di opere d’arte o reperti archeologici all’interno di un museo.

Oggi inoltre e sempre di più si fa strada la musealizzazione virtuale intesa come la progettazione, studio e realizzazione dell’allestimento e dell’esposizione di un bene o di una collezione digitale in un museo virtuale, attraverso l’uso di tecniche di modellazione tridimensionale e di realtà virtuale, per favorire l’esplorazione e la fruizione a distanza.

Ecco in pratica… un museo ha una lunga fase di elaborazione di pensiero, con molte domande fondamentali:

–       Che cosa vogliamo musealizzare?

–       In quali spazi?

–       In che modo?

–       E Dove?

 Sino ad arrivare a chiedersi: perché realizzare questo museo??  

La musealizzazione è una vera e propria materia, importante e fondamentale per la riuscita e la durata futura dello stesso museo.

Spesso si sente dire, nelle città come nei piccoli centri: “Abbiamo un edificio in abbandono, è anche pregevole: perché non ne facciamo un museo?”

Questa ipotesi, quasi sempre, viene approvata dalla popolazione così come dalle autorità, con grande soddisfazione di tutti.

Però vi è da dire che non appena terminano gli applausi e il consenso, il problema su questa scelta emerge immediatamente con una prima domanda: come fare?

La musealizzazione non serve per decidere come fare, ma serve molto prima per decidere SE fare e poi COME fare.

Infatti, non è detto che realizzare un museo in quell’edificio diventi la scelta migliore… potrebbe invece dimostrarsi una scelta sbagliata, determinata da un facile entusiasmo, mossa da un consenso collettivo ma non ragionato.

E poi, siamo sicuri che gli spazi architettonici siano funzionali? Riconducibili alle norme di sicurezza? Gestibili con costi contenuti di climatizzazione, pulizie, manutenzioni e personale necessario?  

La musealizzazione si pone queste e..moltissime altre fondamentali domande.

Anche per i musei sono dunque necessari tempi di elaborazione progettuale piuttosto lunghi, precisando subito che per il progetto di un museo, non s’intende solo quello architettonico, come si è spesso fatto, pensando: devo fare un museo, chiamo un architetto.

È bene precisare che l’architetto rimane un ruolo importante ma deve arrivare dopo.

Dopo quanto?? Direte voi…

Dopo che lo studio preliminare per la musealizzazione, sia esso di un bene architettonico, artistico, archeologico, antropologico, ha svolto tutte le indagini e le valutazioni preliminari.

Si tratta di un lungo percorso e maggiori saranno gli aspetti verificati migliore potrà essere il risultato finale.

Ormai anche per i musei sono necessarie attente valutazioni e soprattutto quantificazioni, sia per i costi di realizzazione che di gestione, sia per definire il target dei possibili visitatori, sia per capire come la nuova offerta museale si posiziona nel “mercato”!! 

Si parla di mercato quando un museo deve concorrere, oppure no, con altri musei.

È interessante notare come per la musealizzazione vengono utilizzati molti degli studi già impiegati per altri settori, come quelli commerciali, oppure di produzione di contenuti in forma digitale, di servizi alla collettività e molti altri secondo necessità.

Una volta sviluppate le molte materie della musealizzazione, si discute di fattibilità.

Raccolte le molte idee e fatte tutte le valutazioni preliminari, è possibile poi discutere se la realizzazione del museo è fattibile, cioè se esistono tutte le condizioni per continuare in una progettazione prima di massima e poi eventualmente esecutiva.

È fondamentale non saltare mai alcun passaggio e, qualora fosse necessario o meglio, fosse possibile ridurre la fase preliminare di studio della musealizzazione.

Ogni punto dovrà essere comunque presente, seppure non sviluppato.

Solo dopo questi studi, che riservano sempre straordinarie scoperte, si potrà dire: ok, è possibile realizzare il museo.

Powered by: Art Rights – Art Backers Agency – ProfessioneARTE.it

Thanks to: Museo MAN

Guarda il video su Youtube

#ARTECONCAS / PODCAST

#ArteConcasNEWS 21 Luglio 2020 | Andrea CONCAS | ArteCONCAS

0

#ArteConcasNEWS 21 Luglio 2020

3 notizie Flash per rimanere sempre aggiornati sul Sistema e Mondo dell’Arte!

RITORNANO GLI #ARTECONCASTALKS : INIZIA LA QUARTA STAGIONE, CON UNA NOVITÁ

⚡️NASCE CULTURA ITALIA ONLINE: IL NUOVO PROGETTO DIGITALE DEL MIBACT

⚡️BANKSY COLPISCE ANCORA, MA LA SUA NUOVA OPERA HA AVUTO VITA BREVE

DOPO UNA PAUSA “FORZATA” ECCO CHE RITORNANO GLI ARTECONCASTALKS, PER CONTINUARE A SOSTENERE, ORA PIÚ CHE MAI, IL DIALOGO CON I GRANDI PROFESSIONISTI DEL MONDO DELL’ARTE  

Siamo arrivati alla quarta stagione, coinvolgendo in questi anni oltre 50 protagonisti tra artisti, collezionisti, galleristi e molti altri operatori del settore, per scambiare insieme a me due chiacchiere e conoscere le loro visioni, storie ed esperienze.

Con questa nuova stagione presentiamo ancora una volta una visione innovativa all’interno di location incredibili e mozzafiato.

Nella prima puntata il protagonista è Luigi Fassi, Direttore del Museo MAN di Nuoro, in Sardegna.

Ma non è tutto! C’è una novità! 

Infatti come segnale di ripartenza nasce ArteConcasMUSEO, il nuovo format video per raccontare i Musei, luoghi simbolo del mondo dell’arte, insieme alle professioni e best practice secondo inedite visioni e nuove prospettive.

IL MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITÁ CULTURALI E PER IL TURISMO LANCIA UN NUOVO PROGETTO DIGITAL: SI CHIAMA CULTURA ITALIA ONLINE, IL NUOVO PORTALE PER RIUNIRE I CONTENUTI SOCIAL PUBBLICATI DALLE PRINCIPALI ISTITUZIONI CULTURALI ITALIANE

Cultura Italia Online è una piattaforma aggregatore che raccoglie le attività Social delle redazioni delle principali istituzioni culturali pubbliche italiane, organizzandola per aree tematiche e mantenendola costantemente aggiornata. 

Sono più di mille i profili social suddivisi tra Archivi e Biblioteche, Musei, Musica, Cinema e Teatro, mentre il portale si autoalimenta anche grazie alla possibilità di autocandidatura da parte delle realtà italiane che svolgono esclusivamente attività Social di carattere istituzionale e quindi non legata alla promozione dei singoli eventi.

SOLO QUALCHE SETTIMANA LA NOTIZIA DELL’ARRESTO IN ABRUZZO DI SEI PERSONE PER IL FURTO DELL’OPERA REALIZZATA DALLO CELEBRE STREET ARTIST DI BRISTOL PER COMMEMORARE LE VITTIME DEL BATACLAN DI PARIGI, QUALCHE GIORNO FA INVECE UNA NUOVA AZIONE SULLA METRO LONDINESE

In piena quarantena Banksy ci aveva sorpreso con un post su Instagram che mostrava come bombolette e idee non fossero sopite in piena pandemia, ma anche il bagno di casa propria sarebbe potuta diventare location ideale per ricreare uno scenario divertente e con buona pace di sua moglie. 

Martedì scorso invece è tornato in città e nella metro di Londra ha deciso di promuovere l’uso della mascherina con l’opera IF YOU DON’T, YOU DON’T GET, con annesso video a documentarne la realizzazione che in pochissimo ha raggiunto oltre 1 milione di follower.

Ma la squadra di pulitori ha agito immediatamente, rimuovendo l’opera come qualsiasi altro graffito. Un classico insomma!

Guarda il video su Youtube

#ARTECONCAS / PODCAST

ProfessioneARTE On Air | Intervista per Rai Radio 3 | ArteConcas

0

Ho avuto il piacere di essere intervistato da Elena Del Drago di Rai Radio 3 per il nuovo format “A3, il formato dell’arte”.

Due chiacchiere sul mio libro #ProfessioneARTE, sul mercato dell’arte, le nuove professioni, le nuove tecnologie e le innovazioni dell’Arte 3.0.

Scopri il Libro Professione Arte: i protagonisti, le opportunità di investimento, le nuove sfide digitali” , scritto da Andrea Concas edito da Mondadori Electa.

Acquista subito “ProfessioneARTE” su Amazon cliccando qui

Guarda il video su Youtube

ASCOLTA ARTE CONCAS PODCAST